Retorica di guerra

Qualche mese fa avevo espresso la mia insofferenza verso la retorica espressa per commemorare la strage di Nassiriya con parole mie.
Oggi, dopo il secondo attentato di Nassiriya, la retorica ha preso nuovo vigore. Proprio non mi vanno giù i toni usati, perché si staccano troppo dalla realtà, fanno leva su sentimenti di pietà e solidarietà che tutti condividiamo per perseguire i propri comodi.
Per non ripetermi questa volta uso le parole di un grandissimo, scritte nel 1968 Continue reading